Molfetta diventa citta' cardioprotetta con 30 defibrillatori

 

Molfetta diventa citta' cardioprotetta con 30 defibrillatori

 

Print

Molfetta, 10/02/2020


Trenta defibrillatori, settantatrè cittadini formati e ora dotati di certificazione del corso BLS-D per l'autorizzazione all'utilizzo del defibrillatore semiautomatico e l’App “Cuore Nostro” per l’immediata individuazione del defibrillatore più vicino. Molfetta diventa città cardioprotetta.

«Con questo progetto – afferma Ottavio Balducci, assessore con la delega a Rete Città sane – vogliamo creare una rete di protezione diffusa nella città per intervenire e soccorrere in maniera tempestiva e adeguata le vittime di arresti cardiaci. Abbiamo formato 73 cittadini, grazie a Sermolfetta e Progetto Assistenza, ma con un nuovo bando vogliamo ampliare questa rete portandola ad almeno 100 persone. Oltre alla App “Cuore Nostro”, che invito a scaricare, sarà installata per le vie della città una cartellonistica per indicare il posizionamento dei defibrillatori».

«Cuore e memoria. Oggi vogliamo ricordare – spiega il sindaco Tommaso Minervini – il dottor Michele Spadavecchia, pediatra sempre impegnato nel mondo del volontariato e del sociale. Il defibrillatore della sede di Lama Scotella è a lui dedicato».

 

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link alla news.

 

 

 




28/09/2020

Un must della cucina pugliese: riso, patate e cozze

Un must della cucina pugliese: riso, patate e cozze

27/09/2020

Scrivere a luceevita@diocesimolfetta.it

Scrivere a luceevita@diocesimolfetta.it

Video

Un pizzico di Puglia: riso, patate e cozze, la tiella barese

Un pizzico di Puglia: riso, patate e cozze, la tiella barese

Foto

Un Pizzico di Puglia in USA

Un Pizzico di Puglia in USA