Ai tempi del COVID-19 ecco il bucato che viene messo ad asciugare: le mascherine

 

Ai tempi del COVID-19 ecco il bucato che viene messo ad asciugare: le mascherine

 

Print

Molfetta, 21/09/2020


Questa emergenza sanitaria ha cambiato completamente le nostre abitudini e sono in molti ad aver sviluppato una vera e propria fobia per germi e batteri.
La diffusa disinformazione sul virus espone tutti noi a rischio e aumenta lo stress causato dal dover distinguere i fatti reali dalle fake news.

La mascherina rimarrà comunque uno strumento fondamentale per il contenimento dei contagi, sarà parte della nostra quotidianità e probabilmente ci accompagnerà ancora nei mesi a venire, perciò è importante avere quante più informazioni possibili. Anche noi dell'Associazione Oll Muvi, meglio consociuti come I Love Molfetta, ne abbiamo realizzate alcune "limted edition", comode anche quelle della società Madonna dei Martiri di Hoboken, il cui ricavato è andato in beneficenza.



La mascherina da sola non basta però a proteggersi se non ne viene fatto un corretto utilizzo. Attenzione la mascherina non garantisce comunque al 100% l’incolumità di chi la indossa, ma sapere come utilizzarla correttamente ne aumenta l’efficacia e l’utilità. Un utilizzo scorretto sarebbe addirittura pericoloso sia per noi che per gli altri, dal momento che il possedere un dispositivo di protezione potrebbe portare in generale ad un abbassamento della soglia di attenzione.

Le mascherine più semplici come la comune “mascherina chirurgica” hanno lo scopo di proteggere chi ci circonda, trattenendo le goccioline di saliva che veicolano il virus. È comunque indispensabile che vengano indossate da tutti dal momento che la maggior parte dei contagi arriva proprio da soggetti asintomatici. Mentre sono in corso ricerche sul COVID-19, sappiamo che il virus viene trasmesso tramite il contatto diretto con le goccioline espirate (droplet) da una persona infetta attraverso la tosse e lo starnuto, oppure toccando superfici contaminate dal virus.

Il virus può sopravvivere sulle diverse superfici da poche ore a diversi giorni, a seconda dei materiali di cui sono composte. La buona notizia però è che semplici disinfettanti di uso domestico possono ucciderlo.

Vogliamo condividere le informazioni degli esperti su ciò che è noto riguardo il COVID-19 e suggerimenti per tenerlo fuori dalla tua casa. Queste alcune semplici misure igieniche possono aiutare a proteggere la salute della tua famiglia e di chiunque altro.

Non toccarti il viso
Evita di portare le mani su occhi, naso e bocca.

Non tossire o starnutire nelle tue mani
Copri la bocca e il naso nell'incavo del gomito o con un fazzoletto quando tossisci o starnutisci. Getta immediatamente nei rifiuti i fazzoletti usati.

Mantieni le distanze
Mantieni una distanza di sicurezza di almeno 1 metro dalle altre persone. Aumenta questa distanza se tossiscono o starnutiscono

Lavarsi, lavarsi, lavarsi le mani
Sì, lo senti dire ovunque perchè questa è la migliore linea di difesa. Lavarsi le mani frequentemente con acqua e sapone.

Se utilizzi un disinfettante per le mani, assicurati che contenga almeno il 60% di alcol, di averlo passato sull'intera superficie delle mani e di averle strofinate per almeno 20-30 secondi, finchè non si sono completamente asciugate. Se le mani sono visibilmente sporche, lavale prima con acqua e sapone.

Lo sapevi? L'acqua fredda o calda è egualmente efficace nell'uccidere germi e virus, purchè associata al sapone nel modo giusto!

Cosa fare se c'è in casa una persona con febbre o influenza?
Tutti i suoi capi dovranno essere lavati a parte con detersivo e disinfettante, asciugando i capi in asciugatrice, al sole o con stiratura a vapore per eliminare tutto. È molto importante anche arieggiare ogni giorno le stanze e pulire le superfici con acqua e sapone o con alcool etilico 75% o ipoclorito di sodio 0,5%.

#Staysafe #staytuned #weareinmolfetta #ilovemolfetta

 

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link alla news.

 

 

 




21/10/2020

A Molfetta un nuovo centro per anziani

A Molfetta un nuovo centro per anziani

20/10/2020

Atom without borders. Cooperazione sostenibile per la cura del cancro

Atom without borders. Cooperazione sostenibile per la cura del cancro

Ù filmìn

Un pizzico di Puglia: riso, patate e cozze, la tiella barese

Un pizzico di Puglia: riso, patate e cozze, la tiella barese

R-Fòtògràfì

Un Pizzico di Puglia in USA

Un Pizzico di Puglia in USA